Your Language: English

My Cart:

0

Home is wherever you are!

×

Registration

Profile Informations

Login Datas

or login

First name is required!
Last name is required!
First name is not valid!
Last name is not valid!
This is not an email address!
Email address is required!
This email is already registered!
Password is required!
Enter a valid password!
Please enter 6 or more characters!
Please enter 16 or less characters!
Passwords are not same!
Terms and Conditions are required!
Email or Password is wrong!

More Views

Torquís Rosso Piceno DOP 2016

Availability: In stock

Only 24 left

€7.20

Quick Overview

Vino ottenuto da uve Sangiovese e Montepulciano. Il colore rosso rubino e il profumo vinoso che evolve al fruttato e floreale caratterizzano un vino corposo, armonico e giustamente tannico. La fermentazione con le bucce avviene a temperatura controllata con una macerazione di 6/7 giorni in serbatoi d’acciaio. Successivamente viene affinato e decantato in vasche di cemento vetrificato.

OR

Details

Dati analitici:

Acidità Totale: 5.30 g/l

Estratto Secco: 25.40 g/l

Anidride Solforosa: 70.00 mg/l

Caratteristiche organolettiche:

Colore: Rosso rubino con sfumature violacee che si attenuano con la maturazione.

Profumo: Vinoso-fruttato che evolve al fruttato-floreale.

Sapore: Secco, sapido, di corpo, giustamente tannico. La maturazione conferisce morbidezza, maggiore equilibrio, arricchimento di profumi sottili e fini.

Varietà delle Uve: 60% montepulciano, 40% sangiovese.

Gradazione alcolica: 12,6 %

Zona di Produzione: Jesi (Ancona)

Storia della DOP:

L’area geografica interessata alla delimitazione della DOC Rosso Piceno è la parte del territorio della Regione Marche che ha come confine nord il decorso del fiume Metauro, per le province di Pesaro ed Ancona, ed a sud il fiume Tronto che è confine con la regione Abruzzo. Sono esclusi nell’interno di essa, di tutti i territori appartenenti alla zona di produzione del vino a DOC «Rosso Conero».

A partire dal X sec A.C. si hanno tracce sicure di viticoltura e di vinificazione nell’area del Rosso Piceno DOC, importate dai coloni greci ai quali si deve la fondazione della città di Ancona. Nello stesso periodo anche l’azione degli Etruschi fu molto importante per la trasmissione delle prime nozioni tecniche della coltivazione della vite e delle tecniche enologiche, che si diffusero, data la vicinanza, nel territorio marchigiano dove erano istallati i Piceni.

Il dominio dei Romani con la loro relativa legislazione fu presente nelle Marche a partire dal 295 a.C. Plinio descrive oltre ai traffici marittimi di tutto il Piceno le varietà di viti coltivate a suo tempo e i relativi vini che se ne ricavavano. Altri autori romani come Apicio trattano della viticoltura nel territorio. Nel Medioevo, venne reintrodotta la vite e si registra l’avvio della coltivazione in vigneti specializzati da parte dei monaci presenti nelle tante abbazie; sebbene una rinascita dell’attività agricola intesa non più come ricerca di una pura sussistenza, bensì come conduzione economica del bene della terra, in cui sono comprese la gestione delle vigne e la preparazione del vino Nell’età dei Comuni anche nell’area del Rosso Piceno, il miglioramento delle condizioni di vita coinvolge tutti gli strati sociali, ed il vino non è più solo bevanda liturgica ma se ne diffonde l’uso in diverse comunità di persone. Nel sec. XIX l’arrivo di malattie e dei parassiti della vite (Oidio, Peronospora e Fillossera) misero in seria difficoltà i viticoltori che, vedevano le loro coltivazioni distrutte. I rimedi finalmente trovati per le stesse e la diffusione della conduzione mezzadrile, che univa in un contratto il capitale ed il lavoro permisero la ricostruzione della vitivinicoltura nelle Marche, attraverso la coltura promiscua, che manteneva in vita una certa attività enologica nell’azienda.

L’intervento comunitario negli anni 60- 70 consentì la ristrutturazione vitivinicola dell’area fino ai nostri giorni. Il Rosso Piceno è stato riconosciuto DOC con DPR 11 Agosto 1969.

Abbinamenti e temperatura di servizio: Si abbina molto bene a primi piatti con sughi rossi e leggermente piccanti, a secondi piatti con animali da cortile o con salumi e formaggi locali. Temperatura di servizio: 16° - 18°C.

Il Produttore: Raccogliendo il testimone del lavoro avviato dal nonno Mario, Carlo e Cristina Brunori, coltivano in regime biologico, sette ettari di vigneto in contrada San Nicolò, uno dei primi cru del comprensorio di Cupramontana. Le matrici argillose dei terreni sono percorse da vene tufacee e sabbiose, la buona ventilazione e le apprezzabili escursioni termiche dell’alta collina mitigano le estati torride di questi ultimi anni conservando ai diversi Verdicchio aziendali un tratto floreale.

Additional Information

Standard 750 ml
Price for unit 11,9 Euro/Litro

Product Tags

Use spaces to separate tags. Use single quotes (') for phrases.

My Cart

You have no items in your shopping cart.